Alla Speranza – poesia di Csokonai

Fata Morgana,
che inganni i mortali,
sembri divinità,
Speranza cieca, falsa!
Ti crea l’infelice
e ti adora come protettore.
Perchè mi inganni ancora?
Perchè mi sorridi?
Perchè il buon umore finto
mi instilli?
Resta dove sei,
mi hai sollecitato,
ti ho creduto
e mi hai ingannato!

Nel mio giardino
hai piantato narcisi,
con ruscelli freschi
hai inaffiato i miei alberi,
mi hai coperto
con mille fiori
e la felicità
celestiale mi donavi.
Ogni mattina i miei pensieri
volavano come api verso i fiori.
Mi mancava solo una cosa
per la felicità completa,
il cuore di Lilla ho chiesto
e me l’ha dato il cielo.

Ma ahimè, i miei fiori
si sono appassiti,
alberi verdi e ruscelli
si sono essiccati.
La mia gioia di primavera
divenne tristezza d’inverno,
tutto il bello che avevo
ora è di un altro, immeritato.
Oh, magari mi fosse
rimasta Lilla, solo lei,
ora non mi lamenterei,
tra le sue braccia
i miei pensieri
dimenticherei
e gli onori e la fama
non desiderei.

Lasciami, Speranza,
lasciami in pace,
tanto questo dolore
mi uccide.
Sento che la mia forza
mi abbandona,
l’anima il cielo,
il corpo la terra desidera.
Per me, il prato è disadorno,
il campo è bruciato,
il boschetto è riarso,
il sole è scomparso.
Belle melodie armoniose,
fantasie colorate,
gioia, speranza, Lilla,
addio a tutte!

A reményhez

Főldiekkel játszó
Égi tűnemény,
Istenségnek látszó
Csalfa, vak Remény!
Kit teremt magának
A boldogtalan,
S mint védangyalának,
Bókol úntalan.
Síma száddal mit kecsegtetsz?
Mért nevetsz felém?
Kétes kedvet mért csepegtetsz
Még most is belém?
Csak maradj magadnak!
Biztatóm valál;
Hittem szép szavadnak:
Mégis megcsalál.

Kertem nárcisokkal
Végig űltetéd;
Csörgő patakokkal
Fáim éltetéd;
Rám ezer virággal
Szórtad a tavaszt
S égi boldogsággal
Fűszerezted azt.
Gondolatim minden reggel,
Mint a fürge méh,
Repkedtek a friss meleggel
Rózsáim felé.
Egy híjját esmértem
Örömimnek még:
Lilla szívét kértem;
S megadá az ég.

Jaj, de friss rózsáim
Elhervadtanak;
Forrásim, zőld fáim
Kiszáradtanak;
Tavaszom, vígságom
Téli búra vált;
Régi jó világom
Méltatlanra szállt.
Óh! csak Lillát hagytad volna
Csak magát nekem:
Most panaszra nem hajolna
Gyászos énekem.
Karja közt a búkat
Elfelejteném,
S a gyöngykoszorúkat
Nem irígyleném.

Hagyj el, óh Reménység!
Hagyj el engemet;
Mert ez a keménység
Úgyis eltemet.
Érzem: e kétségbe
Volt erőm elhágy,
Fáradt lelkem égbe,
Testem főldbe vágy.
Nékem már a rét hímetlen,
A mező kisűlt,
A zengő liget kietlen,
A nap éjre dűlt.
Bájoló lágy trillák!
Tarka képzetek!
Kedv! Remények! Lillák!
Isten véletek!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer

Richiesta rispettosa

Mi consuma il fuoco ardente
di questo immenso amore,
la medicina per la mia ferita
sei tu, bellissima piccola rosa!

Il vivace brillare dei tuoi occhi
è come fuoco che illumina l’alba,
cacciano via i miei pensieri
le tue lucide labbra.

Rispondi con parole angeliche
alla mia richiesta,
con mille baci d’ambrosia
ti pagherò per la risposta.

Tartózkodó kérelem

A hatalmas szerelemnek

Megemésztő tüze bánt.
Te lehetsz írja sebemnek,
Gyönyörű kis ‘tulipánt!’
Szemeid szép ragyogása

Eleven hajnali tűz,
Ajakid harmatozása
Sok ezer gondot elűz.
Teljesítsd angyali szókkal,

Szeretőd amire kért:
Ezer ambrózia csókkal
Fizetek válaszodért.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer

La preghiera di Giona – poesia di Babits

(Jónás imája)

Ormai mi abbandonano le parole,
o sono diventato io come
un fiume straripante,
senza argini e senza méta,
tante vecchie inutili parole
trascino con me,
come porta il torrente
i pali arginanti e le dighe
con sè, errante.
Magari desse il Signore
al mio ruscello un letto
per portarmi sicuramente
verso il mare,
magari mettesse lui
la rima pronta alle mie poesie,
e la Bibbia sulla mensola
la mia metrica sia.

Perchè io Giona,
il suo pigro servo,
prima nascosto,
poi Giona nella balena
che scese nell’oscurità sorda
e rovente non per tre giorni,
ma per tre mesi, tre anni o secoli,
prima di sparire per sempre
nella bocca di una balena
eterna, ancora più sorda,
possa trovare la voce vecchia,
mettere le mie parole
in fila impeccabile,
come Lui mi suggerisce,
e possa parlare senza paura,
se mi permette la debole gola,
e non mi stanchi mai fino a sera,
o finchè le autorità del cielo
o di Ninive mi permetteranno
di parlare e non morire.

Babits Mihály
Jónás imája

Hozzám már hűtlen lettek a szavak,
vagy én lettem mint túláradt patak
oly tétova céltalan parttalan
s ugy hordom régi sok hiú szavam
mint a tévelygő ár az elszakadt
sövényt jelzőkarókat gátakat.
Óh bár adna a Gazda patakom
sodrának medret, biztos útakon
vinni tenger felé, bár verseim
csücskére Tőle volna szabva rim
előre kész, s mely itt áll polcomon,
szent Bibliája lenne verstanom,
hogy ki mint Jónás, rest szolgája, hajdan
bujkálva, később mint Jónás a Halban
leszálltam a kinoknak eleven
süket és forró sötétjébe, nem
három napra, de három hóra, három
évre vagy évszázadra, megtaláljam,
mielőtt egy még vakabb és örök
Cethal szájában végkép eltünök,
a régi hangot s szavaim hibátlan
hadsorba állván, mint Ő sugja, bátran
szólhassak s mint rossz gégémből telik
és ne fáradjak bele estelig
vagy mig az égi és ninivei hatalmak
engedik hogy beszéljek s meg ne haljak.
(1939)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer
spacer
spacer

La nave di Rasmussen – poesia di Aprily

Áprily Lajos: La nave di Rasmussen
(Rasmussen hajója)

Sfidando la morte, affronta ostinato
la bufera dalla forza d’acciaio,
pensando al porto pieno di fiori:
lo salutavano mille fazzoletti.

Sa che questa volta non c’è scampo,
da questo viaggio non c’è ritorno,
il suo corpo sarà imprigionato
dalla vittoriosa catena di ghiaccio.

Sto sulla nave di Rasmussen
sul ponte esposto al temporale,
e, come Childe Harold, mando sulla riva
il mio canto che la notte inaugura.

Ogni tanto guardo ,
era bella la vita? Non lo so.
Si rincorrono giganti di nebbia
dietro di me sulla buia via.

Manderei nella notte un grido
ma non arriva alcun’eco,
Nella solitudine, come fantasma,
scivola la nave corazzata.

Nel porto bianco dove attracca
non c’è fiore, non c’è donna,
sotto di noi il ghiaccio
scricchiola all’infinito.

Sul mio cuore un ricordo
del Sud schizza indeciso,
al polo Nord mi aspetta
qualcuno con bandiera nera.

Note: Rasmussen: esploratore ed etnologo danese, studiò la vita degli eschimesi, organizzò diverse spedizioni sul territorio artico, era il primo a passare attraverso il passaggio Nord-Ovest.

Rasmussen hajója

Páncél szügyét a fergetegnek
halálra-szánt daccal szegi.
Virágos kikötőre gondol:
ezer kendő intett neki.

Jól tudja, egyszer nincs menekvés,
az útnak vissza-útja nincs.
Örök zátonyra fogja testét
a diadalmas jégbilincs.

Megyek a Rasmussen hajóján,
zivataros fedélzeten,
s mint Childe Harold, a partra küldöm
jóéjt kívánó énekem.

Olykor keresve visszanézek:
szép volt az élet? Nem tudom.
Köd-óriások kergetőznek
mögöttem a sötét úton.

Kiáltanék az éjszakába,
kiáltásomra nincs “hahó”.
Kísértetes magányosságba
siklik a páncélos hajó.

Ahol kiköt, fehér öbölben
virág és asszony nem terem.
A jég zengése zúg alattunk,
a jég zengése végtelen.

Szívem fölött egy déli emlék
tévedt sugara átoson.
Lengő fekete lobogóval
Valaki vár a póluson.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer

Babbo Natale – poesia di Zoltan Zelk

(Zelk Zoltán: Mikulás)

Sulla via del cielo
cade la neve, tira il vento,
ma a Babbo Natale non fa niente,
capotto caldo sulle spalle,
il vento può soffiare,
quanto vuole,
il bravo vecchio non si gela
mentre dal cielo arriva a terra.

Gli alberi del cielo
sono carichi di stelle,
la luna brillante
una lanterna regge.
Sulla terra
cominciano a suonare
centinaia di campane:
“Evviva, arriva Babbo Natale!”

– Ti aspettano nelle finestre
le piccole scarpe,
hai portato delle noccioline
e delle caramelle? –
-Certo, che ho portato,
è proprio ora,
non resterà nessuna
scarpa vuota! –

Arriva l’alba.
Tornando a casa,
tutte le stelle
gli corrono incontro
per salutare
Babbo Natale.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer

Piccola canzone di Natale – poesia di Ady

Piccola canzone di Natale
(Ady Endre: Kis karácsonyi ének)

Le campane suonavano ieri,
anche domani suoneranno,
gli angeli dopodomani
neve di diamanti porteranno.

Vorrei lodare Dio
come fanno i grandi,
ma sono ancora bambino,
comincio la vita adesso.

Ci provo lo stesso,
a lodare Dio,
quanto sono felici
i pastori e i re magi.

Andrei anch’io a cantare,
farei tante belle cose
per Gesù bambino,
come tutti i grandi.

Sporcherei volentieri
i miei stivali nuovi,
magari il mio amore
potessi provare al Signore.

(così cantai coraggioso
con fede da bambino
nel brutto Natale
di 1883)

Kis, karácsonyi ének

Tegnap harangoztak,
Holnap harangoznak,
Holnapután az angyalok
Gyémánt-havat hoznak.

Szeretném az Istent
Nagyosan dicsérni,
De én még kisfiú vagyok,
Csak most kezdek élni.

Isten-dicséretére
Mégis csak kiállok,
De boldogok a pásztorok
S a három királyok.

Én is mennék, mennék,
Énekelni mennék,
Nagyok között kis Jézusért
Minden szépet tennék.

Új csizmám a sárban
Százszor bepiszkolnám,
Csak az Úrnak szerelmemet
Szépen igazolnám.

(Így dúdolgattam én
Gyermek hittel, bátran
1883
Csúf karácsonyában.)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer

Il Natale in Ungheria – tradizioni natalizie

Il Natale in Ungheria – usi e costumi ieri ed oggi

In Ungheria anticamente si mescolavano le tradizioni pagane con le feste natalizie cristiane, in parte furono poi represse dalla Chiesa. Le usanze popolari variavano da una regione all’altra.
Questo solo è un piccolo assaggio dalla tradizione natalizia ungherese.

Avvento

la ghirlanda dell’Avvento

In Ungheria l’albero di Natale viene addobbato solo alla Vigilia di Natale. Durante l’Avvento, come preparazione a Natale, si usano le ghirlande. L’usanza proviene dai tedeschi protestanti, (prima volta fu usato nel 1860 a Berlino in un orfanotrofio), poi si è diffusa anche tra i cattolici. Le ghirlande sono preparate in genere con ramoscelli di pino montate su una corona di filo di ferro. Ponendola in orizzontale sulla tavola, si applicano quattro candele (rappresentanti delle 4 domeniche che precedono Natale) in modo simmetrico. Ogni domenica si accende una nuova candela.
Le candele possono essere colorate: tre candele sono di color viola (richiamando così al pentimento dei peccati e alla conversione), mentre l’ultimo è rossa, in segno della gioia, che il Salvatore è ormai vicino. Secondo un’altra tradizione ogni candela rappresenta un angelo, che scende sulla Terra nelle quattro domeniche: il primo, vestito in blu, si avvicina alla gente ancora troppo impegnata nella vita quotidiana; il secondo, vestito in rosso, porta una coppa da riempire con l’amore che trova nei cuori umani; il terzo, vestito in bianco, con un raggio di sole tocca gli uomini diffondendo l’amore; l’ultimo, vestito in viola ha in mano una lira e canta della pace, risvegliando anche i semi nascosti nella terra.

6 dicembre – Babbo Natale

6 dicembre: La festa di S.Nicola – Szent Miklós napja – Mikulás
Babbo Natale – Santa Claus

I bambini ricevono dolci in regalo per S. Nicola – Mikulas
S.Nicola – in ungherese: Miklós, da cui viene il nome Mikulás, inteso come Babbo Natale.

Oggi: Al contrario delle tradizioni anglosassoni, Mikulás non viene a Natale, ma il giorno del suo onomastico e porta solo dolci (impacchettati in una bustina rossa) ai bambini buoni e fraschette dorate ai cattivi (naturalmente ogni bambino riceve i dolci, e le fraschette solo per scherzo). In questo senso somiglia alla Befana italiana.

Prima: Nella tradizione popolare la figura di Mikulás in parte si lega al vescovo generoso, in parte veste i panni di un giudice che interroga e punisce.
– Giovani con il viso annerito di carbone giravano e mettevano paura ai bambini.
– Un’uomo vestito da Mikulás accompagnato da un’altro vestito da diavolo girava il paese. Quest’ultimo aveva una frusta in mano con cui minacciava i bambini.
– Secondo un’altra usanza medioevale un uomo vestito da vescovo con la sua corte circolavano in paese, mettendo sotto esame i bambini, premiandoli o punendoli. Le ragazze invece si dovevano confessare se avevano un’amante.

13 dicembre: S.Lucia – Szent Luca napja – Luca nap

La sedia di Luca per vedere le streghe

Prima della riforma del calendario il giorno di solstizio coincideva con il giorno di S.Lucia, in ungherese Luca (pronuncia: Luza). L’oscurità e il numero 13 sono associati ai spiriti maligni, così anche alle streghe.
Gruppi di bambini giravano il paese recitando magie per favorire la fertilità (umana e del bestiame, specialmente delle galline). Le donne non potevano lavorare per motivi spuperstiziosi.
I giovani giravano mascherati in bianche lenzuole, muti, per non farsi riconoscere, controllando che le donne rispettassero il divieto. Altri facevano scherzi grossi (per esempio smontare due portoni e scambiarli, oppure smontare un carro e rimontarlo di nuovo sul tetto della casa,…)
Le ragazze in età da maritare si predicevano il futuro: i nomi dei candidati come fidanzati furono scritte su strisce di carta, di cui si formavano delle palline da cuocere in acqua come se fossero degli gnocchi. La prima pallina da venire in superficie prediceva il nome del futuro sposo.
La sedia di Luca. Si usava costruire una sedia cominciando in questo giorno fino a Natale, secondo precise regole (per esempio da nove diversi tipi di legno). Si riteneva che, salendo su questa sedia durante la messa di mezzanotte di Natale, si poteva rilevare la presenze di una strega. In qualche zona si usava cucire una camicia, per lo stesso scopo.

24-26 dicembre Natale – Karácsony

confetti da appendere all’albero di Natale

Oggi: Similmente ad altri paesi europei, si usa di addobbare l’albero di Natale, ma solo alla Vigilia (e non prima). Oltre agli addobbi conosciuti in Italia, si usano anche dei dolcetti (szaloncukor) a forma ovale, impacchettati in carta lucente. Il loro ripieno può essere di marzapane, gelèe, ecc. Inoltre si usano anche dei cioccolatini che rappresentano simboli natalizi (Babbo Natale, campanello, ecc.), e anche anelli di meringhe come decorazioni. L’albero viene addobbato dai genitori, mentre i bambini sono tenuti lontani, per esempio assistono alle recite natalizie in chiesa oppure sono mandati nella loro stanza. Il suono di un campanellino segnala ai bambini che Bambin Gesù è arrivato. Seguono le preghiere, i canti, gli auguri e poi si aprono i regali (che non vengono attribuiti a Babbo Natale, ma al bambino Gesù). Dopo la cena la famiglia trascorre il tempo insieme, a mezzanotte si va alla messa.

Menu natalizio

Beigli, dolce a forma di strudel, farcito con crema di noci o di papaveri

(Borleves) Vin brulè in cui vengono mischiati velocemente dei tuorli d’uovo sbattuti a schiuma con lo zucchero;

– carpa impanata, con insalata russa* (*da noi si chiama insalata francese);

– beigli (vedi foto): il dolce tipico di Natale: è una specie di strudel (ma con pasta frolla, oppure lievitata), farcito con una crema di noce oppure di papavero, a cui vengono aggiunti miele, zucchero, marmellata, chiodi di garofano e cannella;

– un dolce chiamato Gerbaud: strati di pasta frolla vengono farciti con marmellata di albicocche e noce, dopo cottura tutto viene ricoperto di cioccolato.

Durante le feste natalizie si usa anche cucinare altri piatti come: zuppa di pesce, pesce in gelatina, arrosto di oca o di anatra, tacchino ripieno, cavolo ripieno, dolci ricoperti con miele o semi di papavero, ecc. Tradizionalmente durante la Vigilia non si mangia carne.

Recita natalizia – Betlehemes játék

Il presepe portatile

Una volta: Tradizione popolare: si doveva stare a casa, evitare di cucire, chiedere o dare in prestito. Alla cena della vigilia si usava una bella tovaglia ricamata e riservata per questa festa. Al pane, alla mela e alla noce si legavano usanze superstiziose. (Il pane doveva essere intero, perché ci fosse sulla tavola tutto l’anno futuro; la mela era divisa in quanti erano in famiglia per tenerla unita; la noce, se sana prediceva una ottima salute, se bacata, malattie.)

I giovani circolavano il paese cantando e facendo gli auguri, per cui in genere venivano premiati. Nello stesso modo, gruppi di bambini andavano per le case del vicinato e in cambio del canto e degli auguri ricevevano mele, noci, pane dolce.

La recita natalizia, di origine religiosa, veniva preparata con cura. I partecipanti, in genere vestiti da pastori oppure da re magi giravano il paese portando con loro un presepe (in genere una scatola di legno, che si apriva davanti), recitando gli eventi della notte di Natale. Certe volte si usavano i burattini.

La tradizione detta regölés ha origini antichissime, in parte corrisponde alla figura del menestrello medioevale; la parola potrebbe aver origine latina (regus). D’altro canto, è molto probabile l’origine antica, pagana, dagli sciamani che recitavano dei versi magici entrando in trance. I gruppi che andavano da una casa all’altra, recitavano lunghi canti composti in questo modo: richiesta di permesso – saluto – interpretazione delle leggende magiare (in particolare il cervo magico, che veniva impersonato da uno dei recitanti) – auguri – alle giovani da sposare si abbinavano i fidanzati – richiesta di un dono.

Il prete mandava delle ostie alle case che venivano consumate come primo pasto della cena della Vigilia, con miele oppure con aglio.
Alla messa di mezzanotte ci si portava la sedia o la camicia iniziata a preparare dal giorno di S.Lucia.
Oggi: In tempi moderni la recita natalizia si svolge nelle parrocchie, con la partecipazione di bambini che danno vita ai vari personaggi della nascita di Gesù.
(Note di copyright: immagini prese dal web. In caso di un eventuale uso improprio si prega di contattarmi.)

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer

Scendi dalle stelle – poesia di Sándor Márai

56

Angelo, scendi dalle stelle, va’ a Budapest,
va’ veloce, tra rovine bruciate e fredde,
dove tra i carri armati russi tacciono le campane.
Dove non brilla Natale,
non ci sono addobbi sugli alberi,
non c’è altro che freddo, gelo e fame.
Di’ a loro che lo sappiano,
parla ad alta voce nella notte,
angelo, porta loro il mistero di Natale.

Sbatti veloce le ali, vola veloce
perchè ti aspettano tanto.
Non parlare a loro del mondo,
dove ora a lume di candela
in stanze calde si apparecchia.
Il prete in chiesa usa un linguaggio solenne,
fruscia la carta da regalo,
buone intenzioni, parole sagge.
Sugli alberi candele romane.
Angelo, parlaci tu di Natale.

Racconta, perchè è un miracolo,
che nella notte placida l’albero di Natale
di un popolo povero si è acceso
e sono molti a fare il segno della croce.
Il popolo dei continenti lo guarda,
uno lo capisce, l’altro non l’afferra.
Scuotono il capo, è troppo per molti.
Pregano o si inorridiscono:
perchè sull’albero non ci sono dolci,
ma l’Ungheria, il Cristo dei popoli.

E le passano tanti davanti;
il soldato che l’ha trafitta;
il fariseo che l’ha venduta;
chi l’ha negata tre volte;
chi, dopo che intinse con lei nel piatto,
l’ha offerta per trenta monete d’argento,
e mentre la insultava e la picchiava,
le beveva sangue e mangiava il corpo.
Ora stanno là tutti a guardare,
ma nessun di loro osa parlarle.

Perchè lei non parla più, non accusa,
guarda solo giù dalla croce, come Cristo.
E’ strano questo albero di Natale,
chi l’ha portato, l’angelo o il diavolo?
Quelli che tirano a sorte la sua veste,
non sanno quello che fanno,
solo fiutano, sospettano
il mistero di questa notte,
perchè questo è uno strano Natale,
sull’albero c’è il popolo ungherese.

E il mondo parla di miracolo,
preti predicano coraggio,
l’uomo di stato lo commenta,
lo benedice anche il santo papa.
E gente di ogni tipo e rango,
chiede: a che cosa è servito?
Perchè non aspettava in silenzio la fine,
e si estinse come la Sorte volle?
Perchè si squarciò il cielo?
Perchè un popolo ha detto: “Ora basta!”

Sono in molti a non capire
che cosa è questa inondazione,
perchè si è mosso l’ordine del mondo?
Un popolo ha urlato. Poi fu il silenzio.
Ma ora tanti stanno a chiedere:
di carne ed ossa chi ha fatto legge?
E lo chiedono molti, sempre di più,
perchè non lo afferrano proprio
loro che l’hanno avuto in eredità,
ma allora vale tanto la Libertà?

Angelo, porta loro la notizia,
che dal sangue sorge sempre nuova vita.
Si sono già incontrati diverse volte:
il Bambino, l’asino, il pastore.
Nel presepe, nel sogno
quando la Vita ha partorito,
a salvaguardare il miracolo
sono loro con il respiro.
Perchè è accesa la Stella, spunta l’aurora.
Angelo del cielo, porta la notizia.

Márai Sándor: Mennyből az angyal*

MENNYBŐL AZ ANGYAL – MENJ SIETVE
Az üszkös, fagyos Budapestre.
Oda, ahol az orosz tankok
Között hallgatnak a harangok.
Ahol nem csillog a karácsony.
Nincsen aranydió a fákon,
Nincs más, csak fagy, didergés, éhség.
Mondd el nekik, úgy, hogy megértsék.
Szólj hangosan az éjszakából:
Angyal, vigyél hírt a csodáról.

Csattogtasd szaporán a szárnyad,
Repülj, suhogj, mert nagyon várnak.
Ne beszélj nekik a világról,
Ahol most gyertyafény világol,
Meleg házakban terül asztal,
A pap ékes szóval vigasztal,
Selyempapír zizeg, ajándék,
Bölcs szó fontolgat, okos szándék.
Csillagszóró villog a fákról:
Angyal, te beszélj a csodáról.

Mondd el, mert ez világ csodája:
Egy szegény nép karácsonyfája
A Csendes Éjben égni kezdett –
És sokan vetnek most keresztet.
Földrészek népe nézi, nézi,
Egyik érti, másik nem érti.
Fejük csóválják, sok ez, soknak.
Imádkoznak vagy iszonyodnak,
Mert más lóg a fán, nem cukorkák:
Népek Krisztusa, Magyarország.

És elmegy sok ember előtte:
A Katona, ki szíven döfte,
A Farizeus, ki eladta,
Aki háromszor megtagadta.
Vele mártott kezet a tálba,
Harminc ezüstpénzért kínálta
S amíg gyalázta, verte, szidta:
Testét ette és vérét itta –
Most áll és bámul a sok ember,
De szólni Hozzá senki nem mer.

Mert Ő sem szól már, nem is vádol,
Néz, mint Krisztus a keresztfáról.
Különös ez a karácsonyfa,
Ördög hozta, vagy Angyal hozta –
Kik köntösére kockát vetnek,
Nem tudják, mit is cselekesznek,
Csak orrontják, nyínak, gyanítják
Ennek az éjszakának a titkát,
Mert ez nagyon furcsa karácsony:
A magyar nép lóg most a fákon.

És a világ beszél csodáról,
Papok papolnak bátorságról.
Az államférfi parentálja,
Megáldja a szentséges pápa.
És minden rendű népek, rendek
Kérdik, hogy ez mivégre kellett.
Mért nem pusztult ki, ahogy kérték?
Mért nem várta csendben a végét?
Miért, hogy meghasadt az égbolt,
Mert egy nép azt mondta: ,,Elég volt.”

Nem érti ezt az a sok ember,
Mi áradt itt meg, mint a tenger?
Miért remegtek világrendek?
Egy nép kiáltott. Aztán csend lett.
De most sokan kérdik: mi történt?
Ki tett itt csontból, húsból törvényt?
És kérdik, egyre többen kérdik,
Hebegve, mert végképp nem értik –
Ők, akik örökségbe kapták -:
Ilyen nagy dolog a Szabadság?

Angyal, vidd meg a hírt az égből,
Mindig új élet lesz a vérből.
Találkoztak ők már néhányszor
– A költő, a szamár, s a pásztor –
Az alomban, a jászol mellett,
Ha az Élet elevent ellett,
A Csodát most is ők vigyázzák,
Leheletükkel állnak strázsát,
Mert Csillag ég, hasad a hajnal,
Mondd meg nekik, – mennyből az angyal

New York, 1956.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
spacer