poesie esistenziali

Come qualcuno caduto tra i binari – poesia di Dezső Kosztolányi

(Mint aki a sínek közé esett, 1910)

Come qualcuno caduto tra i binari,
che rivede la sua vita che sfugge,
mentre fa ticchettio la ruota scottante,
passano tante immagini fulminee
e vede come non ha visto mai:
come qualcuno caduto tra i binari,
saluto la vita, che è diventata
lontana, estranea,
come qualcuno caduto tra i binari,
panorama matto, Leggi tutto...

spacer

Ebbrezza d’alba – poesia di Dezső Kosztolányi

(Hajnali részegség)

Te lo racconto questo
se non ti annoio,
ieri notte alle tre,
finito il lavoro,
sono andato a letto.
Ma nella mia mente
la macchina da scrivere
continuava a battere
col ticchettio tanto forte
che non riuscivo a dormire.
Il sonno non venne, sebbene
lo desiderassi fortemente,
ma chiamandolo con parole,
con Leggi tutto...

spacer

Da anima ad anima – poesia di Árpád Tóth

(Lélektõl lélekig – 1923)

Stanotte sto alla finestra
e attraverso la lontananza
nell’occhio raccolgo la luce
di una stella tremante.

Attraversa bilioni di miglia,
corre in spazi gelati,
neri e aridi, senza stancarsi,
chissà da migliaia di anni.

Questo messaggio del cielo
ora mi arriva nell’occhio,
e là muore felice, mentre
chiudo le stanche palpebre.

Per gli scienzati, lo so io
Leggi tutto...

spacer

Vuoi giocare? – poesia di Dezső Kosztolányi

(Akarsz-e játszani?)

Dimmi, vuoi giocare con me?
Giocare sempre,
andare nel buio insieme,
giocare ad essere grandi,
mettersi seri seri a capo tavola,
versarsi vino e acqua con misura,
giocare con perle, rallegrarsi per un niente,
indossare vecchi panni col sospiro pesante?
Vuoi giocare a tutto, che è vita,
l’inverno con neve e il lungo Leggi tutto...

spacer

Felice-triste canto – poesia di Dezső Kosztolányi

(Boldog, szomorú dal, 1920)

Ho pane e anche vino,
ho moglie e anche figlio.
Perchè rattristrarsi?
Ho sempre da mangiare.
Ho un giardino, gli alberi
si inchinano sulla via sussurrando.
Noce, papavero, nocciole,
nella dispensa la raccolta.
Ho anche una buona coperta,
il telefono, una valigia,
la gente che mi vuole bene,
a cui non devo Leggi tutto...

spacer